Condizioni generali di vendita della Wiha Werkzeuge GmbH

1. Campo di validità

1. Le presenti condizioni generali di vendita si applicano solo nei confronti di società nell'esercizio della loro attività professionale commerciale o autonoma e nei confronti di persone giuridiche di diritto pubblico. Sono valide per l'intera relazione commerciale tra la Wiha Werkzeuge GmbH (nel seguito chiamata Wiha) e il committente, anche se non vengono esplicitamente citate in contratti separati. Valgono altresì per prestazioni d'opera e di servizi. Per le prestazioni d'opera, l'accettazione dei prodotti forniti è sostituita dal collaudo e per le prestazioni di servizi dall'accettazione dei servizi stessi.

2. Condizioni del committente contrarie alle presenti condizioni generali di vendita, condizioni aggiuntive o condizioni che differiscono dalle presenti condizioni generali di vendita non diventano oggetto del contratto, a meno che Wiha non accetti la loro validità per iscritto. Queste condizioni generali di vendita si applicano anche quando Wiha esegue una fornitura al committente senza riserve, pur essendo a conoscenza delle condizioni supplementari o diverse del committente stesso.

3. Eventuali accordi ulteriori o diversi dalle presenti condizioni generali di vendita stipulati tra Wiha e il committente per l'esecuzione di un contratto devono essere redatti per iscritto nel contratto stesso. Questo vale anche per la rinuncia al requisito della forma scritta.

4. Sono fatti salvi i diritti spettanti a Wiha in virtù di disposizioni di legge o di altri accordi e che si estendono oltre le presenti condizioni generali di vendita.

2. Stipulazione del contratto

1. Le offerte di Wiha non sono né impegnative né vincolanti.

2. Tutte le lunghezze sono espresse in millimetri e tutti i pesi in grammi.

3. Wiha si riserva i diritti sull'intera documentazione, in particolare sulla documentazione delle offerte, e tutti i diritti di proprietà, d'autore e di tutela. La documentazione delle offerte non deve essere resa accessibile a terzi. Su richiesta di Wiha, il committente consegna immediatamente a Wiha l'intera documentazione dell'offerta, se non è più necessaria per svolgere l'operazione commerciale ordinaria. Ciò vale anche e in particolare per ogni altro tipo di documentazione, progetti, campioni e modelli.

4. Un'ordinazione assume carattere vincolante solo se Wiha la conferma per iscritto o la esegue entro due settimane e in particolare se Wiha adempie all'ordinazione inviando i prodotti ordinati. Le conferme degli ordini generate utilizzando dispositivi automatici e che quindi non contengono la firma e il nome del firmatario sono considerate conferme scritte. Se contiene errori evidenti, errori ortografici o errori di calcolo, la conferma dell'ordine non è vincolante per Wiha.

5. Il silenzio di Wiha su offerte, ordinazioni, richieste o altre dichiarazioni del committente è considerato consenso solo se è stato stipulato un accordo scritto in tal senso.

6. Se la situazione finanziaria del committente si deteriora in modo sostanziale o se una richiesta motivata di apertura di una procedura di insolvenza o di procedure analoghe sull'attività e sul patrimonio del committente viene respinta per mancanza di beni, Wiha è autorizzata a recedere completamente o parzialmente dal contratto.

3. Entità della fornitura

1. L'entità e della fornitura è disciplinata dalla conferma dell'ordine scritta di Wiha. Per acquistare validità, ogni modifica dell'entità della fornitura da parte del committente necessita della conferma scritta di Wiha. Wiha si riserva modifiche della costruzione e della forma dei prodotti finché si tratta di differenze consuete nel settore o finché le differenze si mantengono all'interno delle tolleranze DIN o finché le modifiche non sono sostanziali e possono essere accettabili per il committente. Ciò vale anche per la scelta del materiale, per le specifiche e per il modello.

2. La fornitura in parti è consentita.

3. Per ragioni tecniche di produzione, Wiha si riserva forniture in eccesso o in difetto fino al 3 % dell'entità della fornitura. Per i modelli speciali Wiha si riserva forniture in eccesso o in difetto fino al 10 % dell'entità della fornitura. A questo riguardo sono esclusi i diritti di reclamo per eventuali vizi. Il prezzo di fornitura non ne è pregiudicato.

4. Wiha si riserva di eseguire le ordinazioni non corrispondenti alle unità di imballaggio di Wiha conformemente alle unità di imballaggio di Wiha o a un loro multiplo come da catalogo Wiha o di rifiutare l'ordinazione perché non corrispondente alle unità di imballaggio.

4. Periodo di fornitura

1. Il periodo di fornitura inizia con la stipulazione del contratto, tuttavia non prima della completa presentazione della documentazione, delle autorizzazioni e delle licenze che il committente deve acquisire, del chiarimento di tutte le questioni tecniche e del ricevimento dell'anticipo concordato o, in caso di operazioni con l'estero, del ricevimento dell'intero importo dovuto per la transazione. L'eventuale data di una fornitura stabilita si sposta in maniera ragionevole se il committente non presenta puntualmente la documentazione, le autorizzazioni, le licenze e le approvazioni necessarie, se tutte le questioni tecniche non vengono chiarite tempestivamente o se Wiha non riceve l'anticipo concordato o, in caso di operazioni con l'estero, l'intero importo dovuto per la transazione. Il rispetto del periodo di fornitura presuppone l'adempimento puntuale e corretto di tutti gli altri obblighi del committente.

2. Il periodo di fornitura è rispettato se i prodotti escono dallo stabilimento o se Wiha ha comunicato l'avviso di merce pronta per il ritiro o la spedizione entro il termine di tale periodo. Il rispetto del periodo di fornitura è soggetto alla riserva di corretto e, in particolare, puntuale rifornimento di Wiha, a meno che il motivo del mancato puntuale rifornimento non sia imputabile a Wiha stessa. In caso di mancato corretto rifornimento, Wiha è autorizzata a recedere dal contratto. Wiha informa il committente immediatamente se si avvale del suo diritto di recesso e restituisce gli eventuali anticipi versati dal committente.

3. In caso di ritardo della fornitura, il committente è autorizzato a recedere dal contratto dopo aver fissato a Wiha una ragionevole scadenza successiva ed aver avvertito che si rifiuterà di accettare la fornitura alla scadenza del termine successivo.

5. Forniture transfrontaliere

1. Nel caso di consegne transfrontaliere, il committente è tenuto a fornire alle autorità competenti in tempo utile tutte le dichiarazioni per l'esportazione dalla Germania e l'importazione nel paese di destinazione e ad adottare tutte le misure necessarie, in particolare acquisire la documentazione necessaria per lo sdoganamento, e a soddisfare le norme per l'esportazione o altre limitazioni per quanto riguarda la commerciabilità dei prodotti.

2. La fornitura è soggetta alla condizione che l'adempimento non sia ostacolato da norme nazionali o internazionali, in particolare dai regolamenti di controllo delle esportazioni, nonché da embarghi o da altre sanzioni.

3. I ritardi dovuti a controlli di esportazione sospende le scadenze e tempi di fornitura.

6. Prezzi e pagamento

1. I prezzi si intendono in EURO. Salvo altri accordi specifici, tutti i prezzi si intendono franco fabbrica e sono al netto delle spese di spedizione e imballaggio, commissioni, assicurazioni, imposte di legge, dazi doganali o altri oneri. I costi sostenuti in questo contesto, in particolare i costi per l'imballaggio e la spedizione dei prodotti, vengono fatturati separatamente. L'imposta di legge sul valore aggiunto viene indicata separatamente nella fattura nella percentuale in vigore nel giorno dell'emissione della fattura. Per forniture all'estero, i prezzi includono anche i costi per l'imballaggio; per il resto restano valide la clausola 1 e la clausola 2.

2. Le spese di spedizione e le commissioni per piccoli ordini fino a un valore della merce di 300,00 euro netto sono di 8,00 euro netto, salvo diverso accordo scritto. Per la fornitura alle isole tedesche Wiha riscuote un supplemento pari a 3,00 euro netto per fornitura.

3. Se il prezzo di listino in vigore nel giorno dell'ordinazione è indicato in un modulo di ordinazione o in una conferma dell'ordine, esso non è considerato come accordo per un prezzo fisso. In caso di aumento del prezzo maggiore del 5 %, il committente è autorizzato a recedere dl contratto. Su richiesta di Wiha, il committente dichiarerà senza indugio se si avvalerà del suo diritto di recesso.

4. Salvo altri accordi, il prezzo di listino deve essere pagato al netto entro 14 giorni dalla data della fattura. La data di pagamento è il giorno in cui Wiha può disporre del prezzo di fornitura. Ove sia in ritardo con il pagamento, il committente è tenuto a corrispondere interessi di mora annui pari al tasso di base maggiorato del 9 %. Restano salve ulteriori rivendicazioni di Wiha.

5. Per le operazioni con l'estero, diversamente da quanto indicato nella clausola 3, il pagamento avviene prima della fornitura, a meno che le parti non abbiano pattuito modalità diverse.

7. Trapasso dei rischi

1. Il rischio di perdita accidentale o di deterioramento accidentale passa al committente non appena i prodotti vengono consegnati alla persona che esegue il trasporto o escono dal magazzino di Wiha per essere spediti. Se è il committente a ritirare i prodotti, il rischio passa al committente nel momento della notifica che i prodotti sono pronti per essere ritirati. La clausola 1 e la clausola 2 sono valide anche se la fornitura avviene in parti o se Wiha ha assunto l'esecuzione di ulteriori servizi, ad esempio le spese di trasporto o il montaggio dei prodotti presso il committente.

2. Se il committente viene a trovarsi in mora di ritiro, Wiha è autorizzata a chiedere il risarcimento dei danni insorti, compresi eventuali costi supplementari. In particolare Wiha è autorizzata a immagazzinare i prodotti a spese del committente per il periodo di mancato ritiro. I costi forfetari per l'immagazzinamento dei prodotti sono pari allo 0,5% del valore fatturato netto per ogni settimana o frazioni di essa. Restano salve ulteriori rivendicazioni di Wiha. Il committente ha il diritto di dimostrare che Wiha non ha sostenuto spese o che le spese da lei sostenute sono minori. Ciò vale anche se il committente viola altri obblighi di collaborazione, a meno che al committente non sia imputabile la violazione di altri obblighi di collaborazione. Il rischio di perdita accidentale o di deterioramento accidentale passa al committente nel momento in cui quest'ultimo arriva in mora di ritiro. Al termine di un termine adeguato fissato da Wiha senza alcun frutto, Wiha è anche autorizzata a disporre diversamente dei prodotti ed a fornire i prodotti il committente entro un termine adeguatamente dilazionato.

3. Se la spedizione subisce ritardi per motivi non imputabili a Wiha, il rischio passa al committente nel momento della notifica al committente che la merce è pronta per essere spedita.

4. I prodotti forniti devono essere accettati dal committente, fatti salvi i suoi diritti di reclamo per eventuali vizi, anche se presentano difetti inessenziali.

8. Diritti di reclamo per vizi

1. I diritti di reclamo per vizi da parte del committente presuppongono che il committente controlli i prodotti forniti, se accettabile e ragionevole anche eseguendo una prova d'uso, e che Wiha comunichi a Wiha per iscritto i difetti evidenti entro due settimane dal ricevimento dei prodotti. I difetti nascosti devono essere comunicati a Wiha immediatamente dopo la loro scoperta. Nella sua comunicazione a Wiha il committente deve descrivere i difetti per iscritto. I diritti di reclamo per vizi da parte del committente presuppongono inoltre che in fase di pianificazione, costruzione, montaggio, collegamento, installazione, messa in servizio, funzionamento e manutenzione dei prodotti vengano rispettate le norme, le avvertenze, le direttive e le condizioni descritte nelle avvertenze tecniche, nelle istruzioni di montaggio, per l'uso e di servizio e nell'ulteriore documentazione dei singoli prodotti, in particolare che le manutenzioni vengano eseguite e documentate correttamente e che si usino i componenti raccomandati.

2. In caso di difetti, Wiha è autorizzata ad adempiere a posteriori al contratto eliminando i difetti o, a sua discrezione, fornendo un prodotto privo di difetti. In caso di adempimento a posteriori, Wiha è tenuta a sostenere tutte le spese necessarie per l'adempimento del contratto, in particolare le spese di trasporto, di trasferta, di lavoro e del materiale, a condizione che tali spese non aumentino perché i prodotti sono stati portati in un luogo con indirizzo diverso da quello di fornitura. I costi per il personale e i materiali fatti valere dal committente in questo contesto vanno calcolati in base alle spese effettivamente sostenute. Le parti sostituite diventano di proprietà di Wiha e devono essere restituite a Wiha.

3. Se Wiha non è in grado o non è disposta all'adempimento a posteriori del contratto, fatti salvi gli eventuali diritti di risarcimento dei danni o delle spese sostenute, il committente può recedere dal contratto o, a sua discrezione, ridurre il prezzo di fornitura. Ciò vale anche se l'adempimento a posteriori non va a buon fine, è inaccettabile per il committente o, per motivi imputabili a Wiha, si dilaziona fin oltre ragionevoli limiti di tempo.

4. Il diritto di recesso del committente è escluso se non è in grado di compensare la prestazione ricevuta e ciò non è imputabile al fatto che tale compenso è impossibile a causa della natura della prestazione ricevuta o che Wiha ne è responsabile o che il difetto non si è rivelato fino a quando il prodotto è stato lavorato o modificato. Il diritto di recesso è inoltre escluso se Wiha non è responsabile del difetto e se il committente deve risarcire il valore invece di compensare la prestazione.

5. Sono esclusi diritti di reclamo per i vizi dovuti all'usura naturale, in particolare dei componenti soggetti ad usura, al trattamento, montaggio, uso o immagazzinamento inadeguato o a modifiche o riparazioni dei prodotti eseguite scorrettamente dal committente o da terzi. Ciò vale anche per i vizi la cui causa è da attribuire al committente o da ricondurre a una causa tecnica diversa dal viso originario.

6. I reclami del cliente per il rimborso delle spese invece di richieste di risarcimento danni in luogo della prestazione sono esclusi, se una terza persona ragionevole avesse sostenuto tali spese.

7. Wiha non concede alcuna garanzia, in particolare alcuna garanzia di qualità o di inalterabilità, salvo diverso accordo scritto nel caso singolo.

8. Il periodo di prescrizione del diritto di reclamo per i vizi da parte del committente è di un anno. Se i prodotti difettosi sono stati impiegati per una costruzione secondo il loro normale utilizzo e abbiano causato la difettosità della costruzione o se si tratta di un difetto di una costruzione, il periodo di prescrizione è pari a cinque anni. La riduzione del periodo di prescrizione a un anno si applica anche per i diritti derivanti da illecito civile imputabile a un difetto dei prodotti. Il periodo di prescrizione inizia dal giorno di fornitura dei prodotti. La riduzione del periodo di prescrizione non si applica alla responsabilità illimitata di Wiha per i danni derivanti dalla violazione di una garanzia o da danni alla vita, lesioni fisiche o danni alla salute, per dolo e colpa grave e per difetti del prodotto o se Wiha ha assunto un rischio di approvvigionamento. Una presa di posizione di Wiha su un reclamo per vizi presentato dal committente non costituisce l'apertura di negoziati su tale reclamo o sui fatti che hanno dato origine al reclamo, a condizione che Wiha respinga completamente tale reclamo per vizi.

9. Responsabilità di Wiha

1. Wiha è pienamente responsabile per i danni derivanti dalla violazione di una garanzia o dei danni alla vita, delle lesioni fisiche o dei danni alla salute. Ciò vale anche per dolo e colpa grave o se Wiha ha assunto un rischio di approvvigionamento. Wiha è responsabile per colpa lieve solo se vengono violati obblighi fondamentali derivanti dalla natura del contratto e che sono di fondamentale importanza per il raggiungimento dello scopo del contratto. In caso di violazione di tali obblighi e in caso di inadempienza e di impossibilità, la responsabilità di Wiha è limitata ai danni che tipicamente probabili nel contesto del presente contratto. È fatta salva la responsabilità legale per i difetti dei prodotti.

2. L'esclusione o la limitatezza della responsabilità di Wiha vale anche per la responsabilità personale degli impiegati, operai, dipendenti, collaboratori e rappresentanti di Wiha.

10. Responsabilità sul prodotto

1. Il committente non modificherà i prodotti; in particolare non modificherà e non rimuoverà gli avvertimenti applicati sui prodotti e che avvertono dei rischi derivanti da uso improprio dei prodotti. In caso di violazione di quest'obbligo, il committente esonera Wiha nel rapporto interno da ogni rivendicazione di terzi sulla responsabilità del prodotto, a meno che il committente non sia responsabile del difetto all'origine.

2. Se Wiha deve richiamare i prodotti o avvertire della presenza di difetti dei prodotti, il committente deve fare il possibile per sostenere Wiha nell'attuare tutte le misure che Wiha ritiene ragionevoli e appropriate, in particolare nell'individuare le necessarie informazioni sui clienti. Il committente è tenuto a sostenere i costi per il richiamo del prodotto o per avvertire della presenza di difetti, a meno che non sia responsabile per il difetto dei prodotti e per i danni subentrati ai sensi dei principi della legge sulla responsabilità del prodotto. Restano salve ulteriori rivendicazioni di Wiha.

3. Il committente informerà tempestivamente Wiha su qualsiasi rischio connesso all'uso dei prodotti che gli diventi noto e sugli eventuali difetti dei prodotti.

11. Forza maggiore

1. Nel caso in cui Wiha sia ostacolata da cause di forza maggiore nell'adempimento dei suoi obblighi contrattuali, in particolare nella fornitura dei prodotti, per la durata dell'impedimento e per un periodo di riavvio ragionevole Wiha è esonerata dai suoi obblighi, senza essere obbligata a risarcire danni al committente. Ciò vale anche se l'adempimento dei suoi obblighi è ostacolato da circostanze imprevedibili o reso temporaneamente impossibile da circostanze al di fuori del controllo di Wiha, in particolare da sciopero, misure adottate da pubbliche autorità, mancanza di energia, difficoltà di fornitura da parte di un subappaltatore o interruzioni sostanziali della produzione. Ciò vale anche se tali circostanze si presentano presso un subappaltatore. Ciò vale anche se Wiha è già inadempiente. Se Wiha è esonerata dall'obbligo di fornitura, Wiha restituisce al committente gli eventuali pagamenti effettuati da quest'ultimo.

2. Wiha ha il diritto di recedere dal contratto dopo un ragionevole periodo, se un tale ostacolo si protrae per più di quattro mesi e Wiha non ha più interesse all'esecuzione del contratto a causa di tale ostacolo. Su richiesta del committente, al termine di tale periodo Wiha dichiarerà se eserciterà il diritto di recesso o consegnerà i prodotti entro un termine ragionevole.

12. Riserva di proprietà

1. I prodotti forniti rimangono di proprietà di Wiha fino al saldo del prezzo di fornitura e di tutti i crediti del committente nei confronti di Wiha risultanti dalla relazione commerciale con il committente stesso. Il committente è tenuto ad avere cura dei prodotti soggetti a riserva di proprietà per tutta la durata della riserva di proprietà stessa.

2. La vendita dei prodotti soggetti a riserva di proprietà è consentita al committente solo nel quadro di un'operazione commerciale ordinaria. Per il resto il committente non è autorizzato né a ipotecare i prodotti soggetti a riserva di proprietà né a cederli in sicurezza né a disporre di essi in modo tale da mettere a rischio la proprietà di Wiha. In caso di pignoramento o di altri interventi di terzi, il committente è tenuto a comunicare immediatamente a Wiha per iscritto ed a fornire tutte le informazioni necessarie del caso, a informare il terzo sui diritti di proprietà di Wiha ed a collaborare con Wiha nell'adottare misure atte a proteggere i prodotti soggetti a riserva di proprietà. Se il terzo non è in grado di risarcire le spese giudiziarie ed extra giudiziarie necessarie per far valere i diritti di proprietà di Wiha, il committente è tenuto a restituire a Wiha tutti i costi di qualsiasi genere risultanti, a meno che la violazione degli obblighi non sia imputabile al committente.

3. Il committente cede già adesso a Wiha i crediti dalla vendita dei prodotti a terzi insieme a tutti i diritti secondari, indipendentemente dal fatto che i prodotti soggetti a riserva di proprietà vengano rivenduti o meno senza o dopo essere stati lavorati. Wiha accetta già adesso la cessione. Se una cessione non è permessa, il committente invita il debitore terzo a effettuare gli eventuali pagamenti a favore di Wiha. Il committente è autorizzato fino a revoca a riscuotere in via fiduciaria e a proprio nome i crediti ceduti a Wiha. Gli importi riscossi devono essere versati immediatamente a Wiha. Wiha può revocare per giusta causa l'autorizzazione alla riscossione del committente e l'autorizzazione del committente alla rivendita, in particolare se il committente non soddisfa adeguatamente i propri obblighi di pagamento nei confronti di Wiha, si viene a trovare in mora di pagamento o cessa i pagamenti o se il committente presenta domanda di apertura della procedura di insolvenza o di una procedura simile di composizione del debito nei confronti del patrimonio del committente o se la richiesta motivata di un terzo volta all'apertura di una procedura di insolvenza o di una procedura simile di composizione del debito nei confronti del patrimonio del committente viene respinta per mancanza di beni. In caso di cessione globale da parte del committente, i crediti ceduti a Wiha devono essere espressamente eccettuati.

4. Su richiesta di Wiha, il committente è tenuto a informare immediatamente il debitore terzo dell'avvenuta cessione ed a procurare a Wiha le informazioni e la documentazione necessarie per la riscossione.

5. In caso di comportamento non conforme al contratto, in particolare in caso di mora di pagamento del committente, fatti salvi i suoi altri diritti Wiha è autorizzata a recedere dal contratto al termine di un ragionevole periodo di tempo fissato da Wiha. Il committente deve concedere immediatamente a Wiha o ai suoi incaricati l'accesso ai prodotti soggetti a riserva di proprietà e restituirli. Dopo un tempestivo e ragionevole preavviso, Wiha può utilizzare in altro modo i prodotti soggetti a riserva di proprietà al fine di soddisfare i suoi crediti nei confronti del committente.

6. La lavorazione o la trasformazione da parte del committente dei prodotti soggetti a riserva di proprietà viene effettuata sempre per Wiha. Il diritto di aspettativa del committente sui prodotti soggetti a riserva di proprietà prosegue coinvolgendo la cosa lavorata o trasformata. Se i prodotti vengono lavorati o trasformati con oggetti non appartenenti a Wiha, quest'ultima acquista la comproprietà della nuova cosa nella misura del valore dei prodotti forniti rispetto agli altri oggetti lavorati al momento della lavorazione o della trasformazione. Ciò vale anche se i prodotti vengono collegati o mescolati con altri oggetti non appartenenti a Wiha in maniera tale che Wiha perde la sua intera proprietà. Il committente custodisce i nuovi oggetti per Wiha. Per la cosa risultante dalla lavorazione o dalla trasformazione e dal collegamento o dal mescolamento si applicano per il resto le stesse disposizioni di quelle valide per i prodotti soggetti a riserva di proprietà.

7. Su richiesta del committente, Wiha è tenuta a rilasciare le sicurezze che gli competono nella misura in cui il valore realizzabile delle sicurezze supera, tenendo conto dei normali scarti di garanzia bancari, di oltre il 10 % i crediti di Wiha risultanti dalla relazione commerciale con il committente. Per la valutazione si deve partire dal valore fatturato dei prodotti soggetti a riserva di proprietà e dal valore nominale in caso di crediti. La scelta degli oggetti da rilasciare spetta nel singolo a Wiha.

8. Per le forniture in stati in cui vigono principi legislativi che non prevedono azione di sicurezza delle presenti disposizioni sulla riserva di proprietà uguali a quelle vigenti nella Repubblica Federale di Germania, il committente concede a Wiha un diritto di pegno equivalente. Se a tal fine è necessario adottare ulteriori provvedimenti, il committente farà tutto il possibile per concedere subito a Wiha un tale diritto di pegno. Il committente parteciperà attivamente a tutti i provvedimenti necessari e favorevoli a garantire l'efficacia e l'eseguibilità di tali diritti di pegno.

13. Riservatezza

1. Le parti sono tenute a mantenere la segretezza per la durata di cinque anni dalla data di fornitura su tutte le informazioni che diventeranno loro accessibili e contrassegnate come riservate o altrimenti riconoscibili come segreti commerciali o industriali in base alle circostanze di fatto e, se non assolutamente necessario per le relazioni commerciali, a non registrarle, a non trasmetterle a terzi e a non utilizzarle per altri fini.

2. L'obbligo di riservatezza cessa di sussistere se le informazioni erano note in modo comprovato alla parte ricevente già prima del periodo di validità del rapporto contrattuale o erano di pubblico dominio e già prima dell'inizio del rapporto contrattuale o diventano di pubblico dominio per ragioni non imputabili alla parte ricevente. L'onere della prova incombe alla parte ricevente.

3. Tramite idonei accordi contrattuali, le parti assicureranno con i loro dipendenti e incaricati, in particolare con i loro liberi collaboratori, con gli imprenditori e le aziende di servizi, che anche questi mantengano un'assoluta riservatezza per la durata di cinque anni dalla data di fornitura e non utilizzino, trasmettano a terzi o registrino illecitamente tali segreti commerciali e industriali.

 

14. Dichiarazione sulla privacy

1. Wiha tratta i dati personali esclusivamente in conformità alle disposizioni giuridiche e alle leggi sulla protezione dei dati, in particolare al regolamento UE sulla protezione dei dati (RGPD). 

2. Per eseguire il contratto stipulato con il cliente è necessario il trattamento dei dati personali del cliente stesso. Wiha [oder Tochterunternehmen] tratta in questo contesto le informazioni di contatto, di ordinazione e di pagamento del cliente. La base per il trattamento dei dati è il contratto stipulato tra le parti (articolo 6, paragrafo 1, lettera b) RGPD). Conformemente agli obblighi di archiviazione dettati dalle normative commerciali e fiscali, i dati del cliente in relazione con il contratto vengono memorizzati per un periodo non maggiore di 10 anni. Un eventuale ulteriore trattamento dei dati personali viene effettuato esclusivamente nel rispetto delle norme di legge, nel contesto di altri contratti stipulati tra il cliente e Wiha [oder Tochterunternehmen] o in seguito all'esplicito consenso da parte del cliente.

3. Fatti salvi i regolamenti di cui sopra, nel contesto dello Shared Service utilizzato a livello dell'intero gruppo, le società del gruppo Wiha trasmettono i dati personali del cliente alla Wiha Werkzeuge GmbH, Obertalstraße 3-7, 78136 Schonach, Germania, in virtù dell'interesse legittimo del gruppo Wiha a gestire i servizi IT in modo centralizzato (articolo 6, paragrafo 1, lettera f) RGPD).

4. I dettagli sulla portata del trattamento dei dati personali dell'acquirente possono essere desunti dalle informazioni generali sulla protezione dei dati (articoli 12-14 RGPD)della nostra homepage.

 

15. Disposizioni finali

1. Il trasferimento di diritti e obblighi del committente a terzi è possibile soltanto previo assenso scritto di Wiha.

2. Le rivendicazioni oppositorie del committente lo autorizzano alla compensazione solo se sono passate in giudicato o non sono contestate. Il committente può esercitare il diritto di ritenzione solo se la contropretesa si basa sul medesimo rapporto contrattuale.

3. Per i rapporti legali tra il committente e Wiha si applica il diritto della Repubblica Federale di Germania con esclusione dell'accordo delle Nazioni Unite sui contratti di compravendita internazionale di merci (CISG).

4. Unico foro competente per tutte le controversie derivanti dal rapporto contrattuale tra Wiha e il committente è quello in cui ha sede Wiha. Wiha è autorizzata ad esercitare azioni giuridiche anche presso il tribunale competente per la sede del committente e presso ogni altro foro lecitamente possibile. Le clausole compromissorie vengono contestate.

5. Salvo diverso accordo, il luogo di adempimento per qualsiasi prestazione di servizi del committente e di Wiha è la sede di Wiha.

6. La lingua del contratto è quella tedesca.